Categoria Welfare

Fiera Solida(le) venerdì 26 maggio 2017

Agenda sociale

agendaMaggio    

Il turismo accessibile nei parchi e negli ambienti naturali di montagna – Incontro di studio Evento 26 maggio 2017 Luogo: Sala M. Ida Viglino, Palazzo regionale, Piazza Deffeyes, 1 Organizzatore: Fondazione Courmayeur Mont Blanc e CSV Valle d’Aosta Comune: Aosta

La famiglia: confronto tra diritto islamico e diritto internazionale e modello d’integrazione italiano – Incontro Formazione 26 maggio 2017 Luogo: Sede Campus universitario Ciels, via Venier, 200 – ore 14.00 Organizzatore: Psicologo di strada Comune: Padova

La violenza contro le donne nel web e offline: prevenzione e contrasto – Convegno Evento 26 maggio 2017 Luogo: Camera dei Deputati, Aula dei Gruppi parlamentari, Via di Campo Marzio ,78 Organizzatore: Unione forense per la tutela dei diritti umani Comune: Roma...

Disabilità, no a maltrattamenti e abusi: convegno a Bologna

AIAS Bologna onlus, in collaborazione con EASPD, FISH e FAND, e con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e dell’Ordine degli Assistenti Sociali dell’Emilia Romagna, invitano al seminario “Partire dai diritti! – Strategie di prevenzione e di contrasto a situazioni di maltrattamento e abuso delle persone con disabilità”

Appuntamento giovedì 1 giugno alle ore 8.30 alla Sala “20 maggio 2012” (Ex Sala A conferenze) Regione Emilia-Romagna, viale della Fiera 8, Bologna.

Il seminario nasce dal confronto tra AIAS Bologna Onlus, la Regione Emilia-Romagna, le Federazioni FISH e FAND al fine di affrontare il tema del maltrattamento delle persone con disabilità e di individuare strategie innovative di prevenzione a partire dall’implementazione della Convenzione ONU sui diritti delle persone con...

Pensioni: cos’è e come funziona l’Ape Social

Ecco in sintesi cos’e’ e come funziona l’Ape Social, istituito di fatto con la firma del decreto da parte del presidente del consiglio Paolo Gentiloni

Si tratta di un’indennità di natura assistenziale a carico dello Stato erogata dall’INPS a soggetti in stato di bisogno che abbiano compiuto almeno 63 anni di età e che non siano già titolari di pensione diretta. L’indennità è corrisposta fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione (di vecchiaia o anticipata).

E’ una misura sperimentale (fino al 31 dicembre 2018) intesa ad agevolare la transizione verso il pensionamento per soggetti svantaggiati o in condizioni di disagio ed è soggetta a limiti di spesa … leggi tutto  (dire)

Un etiope alla guida dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus eletto direttore generale

L’etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus è il nuovo direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità. Lo ha eletto la World Health Assembly, scegliendolo fra i 3 candidati che erano stati selezionati in gennaio dall’Executive Board dell’Oms. Dal 1 luglio sostituirà l’attuale Dg Margaret Chan

Ghebreyesus, 52 anni, è stato eletto dagli Stati membri dell’Oms, riferisce in una nota l’Agenzia delle Nazioni Unite per la sanità. Era stato designato dal Governo etiope e resterà in carica 5 anni. Nel suo Paese è stato ministro degli Affari esteri dal 2012 al 2016 e ministro della Salute dal 2005 al 2012.

Nel suo curriculum anche la presidenza del Fondo globale per la lotta all’Aids, tubercolosi e malaria, e della Roll Back Malaria (Rbm) Partnership, nonché la co-presidenza della Part...

Quando la 104 non protegge dal trasferimento

In Italia, un lavoratore che assiste un familiare disabile può essere spostato di sede se esistono esigenze aziendali effettive

Lo ha chiarito la Cassazione nel rigettare la richiesta di una dipendente della AUSL Roma A, di giudicare illegittimo il provvedimento con il quale era stato disposto il suo trasferimento in un presidio più lontano dalla sua abitazione.

La ricorrente sosteneva che non era stato considerato il disagio che tale spostamento comportava per la sua situazione personale e familiare … leggi tutto  (di Roberta Lunghini / west-info.eu)

Disabili: come sfruttare la legge 112

Notai e associazioni consumatori firmano anche guida a cittadino

Informare i cittadini su “Dopo di noi”, la legge 112 del 25 giugno 2016 che prevede importanti agevolazioni fiscali ed è volta a favorire il benessere e la piena inclusione sociale delle persone con disabilità grave: è lo scopo dell’Open day che si terrà il 27 maggio a Oristano, e in altre 61 città italiane, dalle 9.30 alle 13.30 nella sala consiliare della Provincia.

Organizzano il Consiglio nazionale del notariato con 13 associazioni dei consumatori che sabato presentano anche la quattordicesima “Guida per il cittadino” … leggi tutto  (ansa)

“Caregiver Day”: le iniziative ancora in programma in Emilia-Romagna

Proseguono le iniziative legate al “Caregiver Day” . Tutti gli appuntamenti in calendario in Emilia-Romagna. A partire dal 23 maggio tre iniziative a Forlì

Proseguono le iniziative della settima edizione del Caregiver Day: la rassegna promossa da Regione Emilia Romagna, Unione Terre d’Argine, Cooperativa Anziani e non solo, Servizio sanitario regionale e associazione Carer, e mirata a riflettere e confrontarsi sul tema dei caregiver familiari.

Caregiver Day-Mi prendo cura di te”, proseguirà sino al al mese di giugno.

Gli appuntamenti

Il titolo del programma 2017 è “Essere caregiver: dare e ricevere sostegno in una comunità che si prende cura” perché saranno affrontate tematiche che riguardano alcune categorie di caregiver o di patologie: la dimensione scolastica, il mondo del lavoro, le...

Estate 2017: i centri estivi, le summer school e i campus per bambini disabili

Tra le soluzioni proposte e riassunte nel nostro speciale vacanze estive disabili, la summer school per bambini non vedenti, i centri estivi per ragazzi con autismo e i campi sportivi integrati

Giunti ormai a metà maggio, tra i banchi di scuola si percepisce già un’energia diversa, a prescindere dalle ultime forze necessarie per recuperare un brutto voto, quasi tutti i bambini e ragazzi sembrano rivitalizzarsi all’idea che tra meno di un mese si ritroveranno di nuovo liberi di dormire di più al mattino, stare più a lungo con mamma e papà la sera e soprattutto di poter giocare senza il pensiero dell’interrogazione del giorno successivo … leggi tutto  (Chiara Bullo – disabili.com)

Una legge per chi accudisce parenti malati e anziani: Emilia-Romagna apripista in Italia

Si chiamano caregiver e in Italia sono 3 milioni. Nuove linee guida riconoscono il loro sacrificio e impegno

In Italia i giovani, le donne, gli uomini che si occupano in casa di un parente malato, disabile o anziano sono 3 milioni. Chiamati “caregiver”, letteralmente colui che dà accudimento. Da decenni aspettano una legge nazionale che riconosca i loro impegno.

Da domani per i 250mila che vivono in Emilia Romagna, in maggioranza donne e 13mila sotto i 24 anni, le cose cambiano. Entra infatti in vigore in questa regione, prima in Italia, la legge a loro dedicata, approvata nel 2014 e di cui sono state fatte le linee guida … leggi tutto  (di CATERINA PASOLINI – repubblica bologna)

Legge sul Dopo di noi, ma quale “fallimento”? Presto si vedranno i frutti

Una “inversione di tendenza italiana”, che produrrà presto effetti positivi per i suoi beneficiari, “facendo passare le buone prassi dalla logica della sperimentazione alla strutturalità. Licenziato fondi a 2 terzi delle regioni: entro fine maggio avremo le delibere”

Così la relatrice della legge alla Camera Elena Carnevali risponde alle critiche e prospetta il futuro

La legge sul Dopo di noi rappresenta una “inversione di tendenza italiana” e produrrà presto effetti positivi sui suoi beneficiari: lo ribadisce con forza Elena Carnevali, relatrice della legge alla Camera, rispondendo alle critiche, sollevate in questi giorni da alcune famiglie campane e rilanciate da alcuni organi di stampa.

Critiche che parlavano di “fallimento” della norma: “un giudizio affrettato, impropr...

I disabili potranno rimanere nelle case-famiglia anche dopo i 18 anni

I portatori di handicap non saranno più costretti a lasciare le case-famiglia una volta compiuti i 18 anni

Succede nel Lazio dove la Giunta ha apportato alcune modifiche alla normativa regionale relativamente alle modalità di ammissione e dimissioni nei servizi residenziali per minori.

Nel documento si legge, infatti, che “nel caso di ragazzi con disabilità ad alta complessità assistenziale, divenuti maggiorenni, nelle more di una loro accoglienza presso adeguata struttura assistenziale a carattere familiare, è consentita la permanenza in struttura in ragione della continuità assistenziale e delle speciali esigenze di cura e continuità affettiva, secondo quanto previsto nel piano personalizzato“ … leggi tutto  (di Roberta Lunghini / west-info.eu)

Don Gnocchi, presa in carico globale e tecnologia d’avanguardia per gestire la cronicità

Una delle best practice sul numero del Magazine in distribuzione per raccontare chi dà risposte concrete a bisogni sanitari che fino ad oggi sono in larga misura rimasti orfani. L’intervista all’ingegner Marco Campari, consigliere delegato della Fondazione Don Gnocchi

«Prendere in carico il paziente vuol dire seguire il paziente quando necessita di un cambiamento di setting assistenziale. Il difficile non è seguire il paziente quando è nella Rsa, quando è nel centro diurno o al domicilio… ma seguire il paziente nel suo percorso, aiutarlo a percorrere il giusto cammino», l’ingegner Marco Campari, consigliere delegato della Fondazione Don Gnocchi, riassume così la sfida più grande che la sanità ha oggi di fronte, quella della cronicità.

Lui ha più di quarant’anni di esperie...

Loredana Ligabue: “Caregiver in Emilia-Romagna, i punti di forza della legge”

Intervista a Loredana Ligabue, direttrice della cooperativa “Anziani e non solo” di Carpi e segretaria dell’associazione CARER che raccoglie i caregiver dell’Emilia-Romagna, alla vigilia del convegno in cui verranno illustrate le linee guida per l’attuazione della legge regionale che riconosce e valorizza i caregiver familiari

Il suo nome è legato strettamente alla legge regionale che l’Emilia-Romagna – prima in Italia – ha approvato nel 2014 per il riconoscimento dell’attività di cura e di assistenza all’interno delle famiglie nei confronti di persone malate, disabili o anziane. Loredana Ligabue, direttrice della cooperativa carpigiana “Anziani e non solo” e segretaria dell’associazione CARER, oltre che ispiratrice della LR 2/2014,  è tra quanti si battono per un r...

Disabili non autosufficienti e caregiver: la proposta di una assicurazione nazionale

Dall’Associazione Luca Coscioni la proposta di applicare il modello tedesco anche in Italia

Sono quasi tre milioni in Italia le persone che vinvono in condizioni di non autosufficienza, se sommiamo il  milione di disabili gravissimi, il milione di malati di Alzheimer e di altre forme di demenza senile e le tante persone anziane, senza gravi malattie, ma rese non autosufficienti dall’età molto avanzata.

Numeri  peraltro destinati a crescere e che attualmente ricadono, sotto il profilo dell’assistenza, sulle spalle dei caregiver. Si tratta di un peso insostenibile, e su questa questione lancia una proposta l’Associazione Luca Coscioni: predisporre anche in Italia, come in Germania, un sistema di assicurazione per queste personeleggi tutto  (disabili.com)