Categoria Welfare

Siamo disabili e quindi sole. “Loris un eroe della solitudine la politica smetta di ignorarci”

Parlano le due sorelle autrici dell’appello al governo contro il taglio di fondi per l’assistenza diventato virale sul web

«È stato un gesto politico: interpretarlo semplicemente come atto disperato sarebbe un torto alla sua memoria ». Maria Chiara ed Elena Paolini non hanno dubbi nel leggere la scelta estrema di Loris Bertocco. Entrambe disabili, vivono a Senigallia, studiano a Londra. Elena, ventunenne, si laurea in relazioni internazionali a novembre. Maria Chiara, più grande di cinque anni, ha seguito un master per l’insegnamento dell’italiano a stranieri e un corso di arabo. Da sorelle condividono la carrozzina e la forza di battersi per i diritti civili. Loro è l’appello al premier Gentiloni diventato virale: «Siamo senza sostegno economico per vivere ».

Loris Be...

La vita a ostacoli dei disabili gravi: “Dallo Stato solo un’elemosina”

Sono quattro milioni e per la loro assistenza ricevono appena cinquecento euro al mese Dopo la denuncia di Bertocco, ecco il calvario delle persone non autosufficienti

Un atto d’accusa che colpisce al cuore. Perché dice con chiarezza che essere disabili gravi in Italia vuol dire diventare “ultimi”. Privi di assistenza, privi di sostegni, privati soprattutto della sfida di essere autonomi. Lasciati soli con la propria malattia.

A meno di non avere molti soldi e una famiglia (giovane) che possa prendersi cura di persone che dolorosamente dipendono in tutto e per tutto da chi li assiste. Alzarsi, vestirsi, lavarsi, essere imboccati, lavati, girati, medicati, giorno e notte, notte e giorno … leggi tutto  (di MARIA NOVELLA DE LUCA – repubblica.it)

Leggi anche: Loris Bertocco: quando i disabil...

Disabili, Toschi: legge toscana e’ vera rivoluzione

Il consigliere per le politiche sulla disabilita’ del presidente della Toscana Enrico Rossi: “l’impianto della legge  per la prima volta affronta l’intera questione delle politiche della disabilita: i diritti alla salute, allo studio e al lavoro, ma  anche alla cultura e allo sport”

‘Una rivoluzione culturale e di linguaggio’. Cosi’ Massimo Toschi, consigliere per le politiche sulla disabilita’ del presidente della Toscana Enrico Rossi, commenta il via libera alla legge sui diritti e sulle politiche per le persone disabili, approvato nei giorni scorsi dal Consiglio regionale.

‘Per la prima volta il Consiglio toscano ha discusso a tutto tondo le politiche della disabilita’ che hanno il loro fondamento nella Costituzione e nella convenzione Onu sui diritti delle pe...

Sla, avviato progetto di sostegno psicologico online

Hanno preso il via lo scorso settembre i primi gruppi di sostegno psicologico online proposti da “Sl@: sostegno psicologico online”,

un progetto ideato e sostenuto dall’associazione ASLA (Associazione Sclerosi Laterale Amiotrofica Onlus) e riconosciuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con l’obiettivo di fornire appunto un supporto psicologico a coloro che si trovano a convivere con una patologia neurodegenerativa complessa come la Sclerosi Laterale Amiotrofica … leggi tutto  (abilitychannel.tv)

“Io, Loris Bertocco, sono rimasto solo con la mia malattia: scelgo la morte e vi lascio l’amore”

In questa lettera le ragioni dell’addio: “Abbandonato dalle istituzioni ormai non ho più soldi per curarmi”. La testimonianza integrale del veneziano, completamente paralizzato dopo un incidente stradale nel 1977, che ieri ha deciso la via della suicidio assistito in Svizzera

Sono Loris, vi chiedo la possibilità di accompagnarmi in questo percorso e vi racconto la mia storia.

Sono nato a Dolo il 17 giugno del 1958 e nel 1977 frequentavo l’Istituto Tecnico  Il 30 marzo 1977 ho fatto un incidente stradale che avrebbe potuto portare delle conseguenze di poco conto. Un’automobile mi ha investito mentre ero in ciclomotore. In realtà l’incidente ha avuto delle conseguenze molto gravi e nell’impatto c’è stata una frattura delle vertebre C5 C6 e sono rimasto completamente paralizzato...

Malattie rare, quali ausili e prestazioni garantiti dai nuovi LEA?

Assistenza specialistica ambulatoriale, presidi monouso, prodotti dietetici e nomenclatore tariffario. Ecco tutto ciò che i nuovi LEA prevedono

Il 15 settembre 2017 sono entrati in vigore i nuovi LEA. I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono le prestazioni e i servizi che il Servizio sanitario nazionale (SSN) è tenuto a fornire ai cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione (ticket).

Vi abbiamo già parlato del funzionamento dell’esenzione da ticket (scarica QUI la nostra Guida alle esenzioni 2017), ma cos’altro è cambiato per i malati rari?
I nuovi LEA hanno aggiornato, infatti, anche altre prestazioni che interessano i pazienti con malattie rare: l’assistenza specialistica ambulatoriale, l’assistenza integrativa (nell’ambito della quale il SSN g...

Primo “Festival della Cooperazione internazionale” dedicato alla disabilità

Nel mondo le persone con disabilità sono poco meno di un miliardo e l’82% vive in paesi in via di sviluppo. Il Festival di Ostuni, che parte domani, punta soprattutto a parlare d’inclusione e del rispetto dei diritti delle persone con disabilità che vivono sull’intero pianeta. Tre giorni d’incontri, dibattiti e mostre voluti dall’Aifo

Domani si entrerà nel vivo del primo “Festival della Cooperazione “internazionale” dedicato alle persone con disabilità che si svolgerà a Ostuni dal 13 al 15 – ottobre. Il Festival punta soprattutto a parlare d’inclusione e del rispetto dei diritti delle persone con disabilità che vivono sull’intero pianeta.
Tre giorni d’incontri, dibattiti e mostre voluti dalla ong AIFO e realizzati con il Patrocinio del Comune di Ostuni e in collaborazione con la ...

Marisa, mamma di una disabile: «Burocrazia, ingiustize, aiuti zero: via il negozio per stare con Gaia»

Si prendono cura di un familiare disabile e per farlo spesso devono lasciare il proprio lavoro. Sulle loro spalle ci sono i problemi quotidiani tra burocrazia, ingiustizie, welfare inesistente oltre alla fatica fisica e psicologica

Il tutto senza un briciolo di riconoscimento. I Caregiver sono destinati a restare nella solitudine anche se è appesa a un filo la possibilità di vedersi riconoscere un ruolo e un contributo in grado di migliorare la qualità della vita. Marisa Tavano è una dei tanti caregiver, la persona di cui si prende cura è Gaia, sedici anni appena compiuti e un’energia che riesce ad arginare a fatica … leggi tutto  (di Mariagiovanna Capone – il mattino)

Cooperazione e disabilità: un asse trasversale di qualità umana per tutti

«Includere la disabilità nella cooperazione internazionale allo sviluppo non vuol dire semplicemente creare un settore di intervento al suo interno, ma farne un asse trasversale di qualità umana per tutti, con servizi sanitari e sociali migliori e accessibili a tutti, scuole migliori e accessibili a tutti i bambini e le bambine, attività economiche migliori e possibili per tutti»:

a dirloè Francsco Colizzi, coordinatore del Festival della Cooperazione Internazionale, grande manifestazione in programma fino al 15 ottobre a Ostuni (Brindisi), primo evento del genere dedicato a questa materia … leggi tutto  (di Francesco Colizzi – superando.it)

Insediato l’Osservatorio nazionale disabilità: ecco compiti e scenari

Roberto Speziale, presidente nazionale Anffas, riferisce sull’incontro di insediamento, presso il ministero del Lavoro. “Compito principale sarà verificare l’applicazione della Convenzione, ma anche mettere in pratica le prescrizioni rivolte dall’Onu all’Italia dopo la prima consultazione Io credo che Osservatorio debba anche verificare leggi su disabilità, approvate e da approvare”

Si è insediato ufficialmente ieri, presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, il nuovo Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, alla presenza dei rappresentanti delle associazioni, dei sindacati, dell’Inps delle istituzioni locali e nazionali. Al tavolo, anche il ministro Poletti, il sottosegretario Biondelli, il direttore generale Tangorra.

“Si sono...

Educazione professionale, disabilità e “durante e dopo di noi”

Abbiamo intervistato Nicola Titta, Presidente di ANEP, l’Associazione Nazionale Educatori Professionali

L’Associazione Nazionale Educatori Professionali è una delle principali organizzazioni di rappresentanza degli educatori professionali in Italia. Fondata nel 1992 da preesistenti realtà regionali, aderisce a organizzazioni sovranazionali come lInternational Association of Social Educators (AIEJI), che a sua volta è parte della rete European Social Education Training (ENSACT). Gli obiettivi statutari dell’associazione sono rappresentare e sostenere la professione e favorire lo sviluppo e la diffusione della cultura professionale all’interno dei servizi socioassistenziali e sociosanitari.

Abbiamo incontrato Nicola Titta, presidente dell’associazione e membro del board internazi...

La presa in carico dei familiari delle persone con demenze cognitive

Corso per operatori sanitari e membri delle associazioni di familiari con deficit cognitivi.presso la Casa di Cura Privata del Policlinico, via Dezza 48, Milano

La Giornata di Formazione SPAN permetterà di analizzare le diverse fasi che contraddistinguono il percorso dei familiari di bambini o adulti con deficit cognitivo … leggi tutto  (parkinson-italia.it)