Daily Archives 10 marzo 2018

Sbarca alle Nazioni Unite il lavoro delle persone con disabilità intellettive

La Giornata Mondiale della Sindrome di Down del 21 marzo sarà quest’anno centrata sul contributo che possono dare le persone con sindrome di Down e altre disabilità intellettive in ogni àmbito della loro vita

Proprio il 21 marzo è prevista a New York, presso la sede delle Nazioni Unite, una conferenza internazionale centrata sul tema del lavoro, cui parteciperà anche il progetto europeo “A ValueAble Network”, che ha per capofila l’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) e che verrà presentato come esempio di buona prassi di inclusione lavorativa di persone con disabilità intellettive … leggi tutto  (s.b. – superando.it)

Octo e la Onlus Di.Di. insieme per i piloti disabili

Una sponsorizzazione per il campionato italiano e la squadra di Diversamente Disabili che corre in quello internazionale Handy Race

Octo Telematics ha annunciato la sponsorizzazione della ONLUS Di.Di. Diversamente Disabili.

La Onlus ha come obiettivo la promozione verso i giovani disabili dell’attività sportiva come elemento di socialità e di recupero, oltre che il sostentamento delle attività di prevenzione e formazione su temi che riguardano la sicurezza stradale, gli stili di vita sani, l’educazione allo sport sicuro, e tutte le azioni mirate a evitare le principali potenziali cause di invalidità, predisponendo iniziative pubbliche e attività educative rivolte ai giovani … leggi tutto  (gpone.com)

ANF: nucleo familiare con disabili

Ho presentato al datore di lavoro la richiesta per assegni familiari ANF per un nucleo composto da entrambi i genitori e tre figli, di cui uno minorenne e due maggiorenni disabili, (entrambi studenti con legge 104/92 art.3 comma 3 e inabili 100% con assegno di accompagnamento)

Secondo la normativa, ai fini del calcolo dell’A.N.F. il nucleo familiare si intende composto da: a) dipendente interessato b) coniuge non legalmente ed effettivamente separato c) figli ed equiparati, ai sensi dell’art. 38, D.P.R. 26.4.57, n. 818, di età inferiore a 18 anni compiuti … leggi tutto  (Barbara Weisz – pmi.it)

Il Centro Ausilia, che sperimenta la progettazione accessibile

Insieme al gruppo di Architutti, andiamo a scoprire Ausilia, progetto all’avanguardia realizzato a Trento e dintorni,

frutto della collaborazione tra alcune realtà d’eccellenza presenti nel territorio, un Centro in cui l’innovazione tecnologica e l’esperienza sanitaria si uniscono, con l’obiettivo di costruire uno spazio di sperimentazione e monitoraggio per la progettazione personalizzata di soluzioni domotico-assistenziali per anziani e persone con disabilità … leggi tutto  (Architutti – superando.it)

Tecnologia per disabili: ecco la mappa di innovatori, startup e ricercatori

Una ricerca svolta di Polifactory in collaborazione con Fondazione Politecnico e promossa da Sanofi Genzyme mostra la distribuzione geografica delle soluzioni in grado di migliorare la vita di chi convive con qualche forma di disabilità. Prima la Lombardia con 61 “soggetti” su 168, seguono Emila Romagna, Puglia e Liguria

Prima la Lombardia, con 61 “soggetti” su 168. A seguire Emilia Romagna (20), Puglia (15) e Liguria (14).  Tra le città, Milano (con la sua area metropolitana e le vicine province di Como e Lecco) ha 57 soggetti.

Attenzione! Non si tratta di risultati elettorali ma della distribuzione geografica delle realtà mappate nella prima ricerca che si propone di rappresentare l’ecosistema fatto di pazienti-innovatori, ricercatori indipendenti e non, nuovi impren...

Disabili e sport: quando l’inclusività funziona e fa bene a tutti

Disabili e sport: una sfida all’emarginazione possibile? Sì, nonostante l’esistenza di molti ostacoli pratici. Una piccola indagine sull’inclusività dei diversamente abili attraverso l’attività sportiva rivela che, seppure con grande fatica, l’impegno della società civile può raggiungere risultati straordinari

Quando si affronta il tema della disabilità ci si imbatte subito nel campo dei diritti negati. Troppo spesso, infatti, queste persone con deficit cognitivi o motori si ritrovano escluse da spazi, attività, esperienze, relazioni. Politiche sociali inadeguate, disinteresse, paura della diversità, menefreghismo diffuso sono le cause profonde di queste ingiustizie … leggi tutto  (Giorgio Guzzetta – vociglobali.it)