Daily Archives 3 maggio 2018

Parkinson, virus rabbia fa da ariete per le cure migliori

Veicolo che fa entrare il farmaco direttamente nel cervello

E’ con lo stratagemma che il virus della rabbia usa nel cervello umano che in futuro si potrà curare il Parkinson. E’ questa la scoperta a cui sono arrivati alcuni ricercatori cinesi in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Acs Nano.

Per raggiungere il suo obiettivo, infatti, questo virus “inganna” il sistema nervoso e attraversa la barriera emato-encefalica grazie alla glicoproteina 29 (una sorta di ‘ariete’ che permette di far entrare il virus con facilità). Del Parkinson si sa che porta a un accumulo di ferro nei neuroni e che questo causa una morte delle cellule … leggi tutto  (ansa)

«Ho sconfitto il Parkinson con una terapia innovativa» (video)

Pensionato di Teolo sottoposto a trattamento con un macchinario hi-tech all’ospedale di Verona: «Dopo 10 anni d’inferno, la mia mano non trema più»

«Grazie a quella macchina sono tornato a vivere». La macchina a cui si riferisce Teodoro Martino, un sottufficiale dell’esercito di 69 anni, in pensione, che vive a Praglia di Teolo dopo aver prestato servizio per un lungo periodo alla caserma Perobon di Padova, si chiama “MRgFUS” (Magnetic Resonance guided Focused Ultrasound) … leggi tutto  (Gianni Biasetto – mattinopadova.gelocal.it)

Qui il video

Bologna, un tetto e l’autonomia. Il cohousing per i disabili rimasti soli

Sarà realizzato dal Comune in una villetta di via Andrea Costa grazie al fondo «Dopo di Noi»

A pochi metri dallo stadio Dall’Ara, in quella villetta rossa che si affaccia su via Andrea Costa all’altezza dell’autolavaggio, si realizzerà un sogno di anelata autonomia. Spalancato il portone, si entrerà in una realtà di cohousing: tra quelle mura vivranno almeno cinque persone diversamente abili, ognuna con il proprio alloggio.

A fine aprile è stato infatti approvato dalla Giunta comunale un progetto che prevede la ristrutturazione dello stabile da adibire a soluzione abitativa per soggetti colpiti da gravi disabilità e «privi del sostegno familiare» … leggi tutto  (Francesca Blesio – corriere di bologna)

Diritto all’abitare: nove princìpi in cui credere

Nove princìpi in cui credere, scrive Fausto Giancaterina, «per sorreggere la cultura e i valori ispiratori dell’azione di accompagnamento delle persone con disabilità in un progetto del diritto all’abitare»

A partire dal fatto di credere «nella centralità della persona, piuttosto che nella centralità del budget» e «che siano i diritti ad avere la priorità rispetto ai bisogni», ovvero che sia «l’esigibilità dei diritti stessi a determinare l’organizzazione dei servizi» … leggi tutto  (Fausto Giancaterina – superando.it)

Il “villaggio Alzheimer”, un paese dentro al paese

Le persone con malattia degenerativa vivono in un ambiente che vuole preservare una vita normale, a contatto con la comunità. Dopo l’addio a Cardano al Campo, ora il progetto approda nella vicina Casorate

Un villaggio dentro al paese. O a fianco, se si preferisce. Dove le persone ammalate di Alzheimer vivono in un ambiente che è “protetto”, ma che cerca di preservare una vita normale, senza sradicare gli ospiti dalla comunità circostante. È l’idea dei “villaggi Alzheimer”, nata nel Nord Europa, sbarcata in Italia da poco (a febbraio l’inaugurazione del primo esempio, a Monza) e proposta anche nel Varesotto dalla Fondazione Melo Onlus.

Ne avevamo parlato già lo scorso anno: il progetto inizialmente era stato avviato a Cardano al Campo, ma a distanza di qualche tempo si “tra...

Prove Invalsi 2018 secondaria di secondo grado

Dal 7 al 19 maggio 2018 le seconde classi della scuola secondaria di secondo grado sosterranno le prove di italiano e matematica

Le prove Invalsi d’italiano e matematica previste dal Decreto Legislativo n. 62 del 13 aprile 2017 per le seconde classi della scuola secondaria di secondo grado, si svolgeranno al computer (computer based CBT).
Lo svolgimento di dette prove non avviene più simultaneamente nello stesso giorno e alla stessa ora per tutti gli allievi e si compone di domande estratte da un ampio repertorio di quesiti e varia pertanto da studente a studente, mantenendo per ciascuna forma uguale difficoltà e struttura. All’interno di una stessa scuola o anche di una stessa classe la prova può avvenire in orari o giorni diversi.

Nel documento pubblicato il 12 aprile 2018 in allegato

Congedo Legge 104 disabile che lavora

È possibile chiedere il congedo straordinario retribuito, se il disabile assistito lavora?

Vuoi chiedere un periodo di aspettativa retribuita per assistere un tuo familiare disabile, ma la persona che devi assistere lavora? Né l’Inps, né la tua azienda possono negarti il congedo straordinario Legge 104, in quanto lo svolgimento di attività lavorativa non cancella la necessità del disabile di essere assistito: lo ha chiarito il ministero del Lavoro, in risposta a un interpello posto nel 2010 [1], e l’ha successivamente confermato l’Inps stesso [2].

Ma com’è possibile che il portatore di handicap che lavora abbia comunque necessità di assistenza? Cerchiamo di capire in quali casi può essere concesso il congedo Legge 104 per assistere il disabile che lavora, dopo aver compreso...

Le mie gambe lunghe, ma fragili, come quelle di un cavallo (video)

E’ una immagine che ho in testa da mesi. Il cavallo, con le sue lunghe e fantastiche gambe, ha delle caviglie molto sottili, che rischiano con facilità di rompersi e portare l’animale alla morte

Una volta vidi un filmato in cui un giovane puledro faticava a passare oltre una strada cosparsa di assi di legno a causa della sue fragili caviglie.Quanta solidarietà ho provato! Anche per me le caviglie e i piedi sono dei punti deboli, che mi fanno sentire vulnerabile e indifesa leggi tutto  (noria nalli – vita.it)

Avaria al largo per il velista disabile, Marco non si arrende: “Ecco perché sfido il mare da solo”

La missione di Marco, iniziata il 22 aprile dall’Arsenale di Venezia e promossa dall’associazione “Timonieri sbandati”, si concluderà a Genova. Prevede 63 tappe e ha una triplice finalità

Doveva attraccare alla Mole con il suo trimarano, ma il mare mosso all’altezza di Ravenna ha mandato la barca in avaria e l’ha costretto a riparare in tutti i sensi nel porto romagnolo. Alla Mole Marco Rossato, il primo disabile a tentare la circumnavigazione d’Italia in barca a vela, c’è arrivato lo stesso anche se in automobile. Riprenderà il mare nelle prossime ore, insieme al cagnolino Muttley suo fedele compagno di viaggio, non appena il trimarano sarà rimesso in condizione di navigare dai tecnici ravvenati … leggi tutto  (Gino Bove – ravennatoday.it)

Altre notizie

Trasporto disabili, Cgil: “Non permetteremo nuovi disoccupati” (genova24.it)

Crocieristi disabili, 2 scali nell’Isola (ansa)

La protesta delle persone disabili mette alla prova il governo (gazzetta italia)

Tre disabili gazawi uccisi nella Marcia del Ritorno (infopal)

Parcheggia a Riccione con il pass disabili della madre morta nel … (altarimini)