Sussidiarietà e partecipazione nella sanità toscana

Con le nuove “Disposizioni in materia di partecipazione e di tutela dell’utenza nell’ambito del servizio sanitario regionale”, elaborate a seguito della legge regionale 75 del 2018 si ridisegnano gli ambiti di partecipazione della comunità alla vita dei servizi sanitari regionali. Ecco come

Partecipazione e programmazione nelle zone distretto a seguito della l.r. 75/2018 “Disposizioni in materia di partecipazione e di tutela dell’utenza nell’ambito del servizio sanitario regionale. Modifiche alla l.r. 40/2005”.

Sussidiarietà e partecipazione: contesto normativo di riferimento
Prendersi cura della salute è un dovere della società, dobbiamo mettere in grado la società di curare se stessa. É il grande tema della sussidiarietà.
La Costituzione all’art. 2 sancisce il principio del pluralismo sociale e all’art.41 prevede che l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata ai fini sociali. Inoltre con la riforma del Titolo V della Costituzione nel 2001 all’art.118 è stato introdotto nel nostro ordinamento il principio di sussidiarietà che nel comma 1 dello stesso articolo è affiancato ai principi di “differenziazione ed adeguatezza” … leggi tutto  (Riccardo Nocentini – quotidiano sanità)

Puoi replicare

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>