Noi e i robot, viaggio nel futuro dell’umanità

Maria Chiara Carrozza, esperta di biorobotica, è il nuovo direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi: «Penso che un robot assistente vada sperimentato, ma sapendo che la Don Gnocchi è proprio il luogo in cui non aver paura di queste novità, perché qui la robotica è solo per il miglioramento della vita delle persone deboli»

La robotica? Viaggia a grandi passi verso la sua evoluzione, da industriale a sociale. I robot stanno uscendo dalle fabbriche per entrare nelle nostre case, nella nostra quotidianità, ad esempio nella cura e nell’assistenza delle persone. Maria Chiara Carrozza, ordinario di bioingegneria industriale alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, già rettore dello stesso Ateneo ed ex Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, autrice del volume I robot e noi (il Mulino, 2017), è da poche settimane il nuovo direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi.

Originaria di Pisa, 52 anni, due figli, la professoressa si è occupata di bioingegneria della riabilitazione, mani artificiali, protesi cibernetiche, pelle artificiale sensorizzata… un’attività scientifica mirata all’utilizzo della bioingegneria e della biorobotica per aumentare l’autonomia delle persone e migliorarne la qualità della vita … leggi tutto  (sara de carli)

Puoi replicare

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>