Licei senza studenti disabili? “Vero, ma con l’alternanza cambierà”

Salvatore Nocera, avvocato esperto di inclusione scolastica, commenta i dati: “Soprattutto quando la disabilità è intellettiva, si preferisce il professionale rispetto all’astratto liceo. Ma con l’alternanza scuola-lavoro, credo e spero che cambierà. Ma urgono linee guida”

E’ vero, gli studenti disabili prediligono gli istituti professionali, mentre non si iscrivono volentieri a classico e scientifico: lo conferma Salvatore Nocera, che come avvocato esperto di inclusione scolastica conosce bene questa realtà.

“E’ una realtà a noi ben nota – commenta, riferendosi ai dati del Miur (sull’organico di fatto) elaborati dalla rivista Tuttoscuola – ma con delle distinzioni importanti: infatti riguarda soprattutto gli studenti con disabilità intellettiva, che normalmente si rivolgono agli istituti professionali, dove l’approccio pratico si presta maggiormente alle loro esigenze. Nel caso della disabilità fisica o sensoriale, invece, la scelta a volte cade anche su licei classici e scientifici” … leggi tutto  (cl – redattore sociale)

Puoi replicare

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>