Parkinson, parte da Firenze la sfida per migliorare la qualità della vita

Terapia fisica e riabilitativa, ma anche attività sociali come arte-terapia e danza-terapia hanno  dimostrato la loro efficacia nella gestione dei disturbi del movimento

La malattia di Parkinson non ha ancora una cura risolutiva ma gli approcci terapeutici più recenti hanno evidenziato l’importanza della prospettiva multidisciplinare e l’utilità delle cure complementari affiancate alla terapia farmacologica. Terapia fisica e riabilitativa, stretching, rieducazione posturale, attività in palestra, ma anche attività sociali come arte-terapia e danza-terapia hanno ormai dimostrato la loro efficacia nella gestione dei disturbi del movimento.

Nei centri che fanno parte del Network del Fresco Parkinson Institute più di cento operatori e medici si stanno formando nella prospettiva di un più moderno e razionale approccio alla gestione dei diversi bisogni di salute della persona con malattia di Parkinson … leggi tutto  (la nazione)

Puoi replicare

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>