Alzheimer, alcol fattore di rischio: se ne parla al congresso dei centri diurni

Ricerca franco-canadese su oltre 2 milioni di pazienti. Il geriatra Mossello: “All’origine dell’aumento dei casi di demenza non c’è solo la degenerazione associata all’età, ma anche l’amore per alcol più o meno appassionato”. Il tema sarà al centro di un convegno a Firenze

L’abuso di alcol può provocare l’Alzheimer. La via della demenza anche precoce è spianata e una ricerca su oltre 2 milioni di pazienti lo certifica ora per la prima volta. E’ quanto rivela uno studio di matrice franco-canadese, coordinato dal Campbell Family Mental Health Research Institute di Toronto e appena pubblicato dalla rivista scientifica Lancet Public Health.

Di questa ricerca si parlerà ampiamente al 9° Congresso nazionale sui Centri diurni Alzheimer in programma a Montecatini (Teatro Verdi, 17-18 maggio), organizzato ancora una volta dall’Unità di Ricerca in Medicina dell’Invecchiamento dell’Università di Firenze con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia … leggi tutto  (redattore sociale)

Puoi replicare

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>